salta al contenuto

SITO IN CORSO DI AGGIORNAMENTO. LE INFORMAZIONI PRESENTI POTREBBERO VARIARE SENZA ALCUN PREAVVISO.
17 gennaio 2022

Home Page

Direttive del Procuratore

InfoWeb

  • Accessi unici: 685593
  • Pagine viste: 1000462
  • Utenti Connessi: 16
  • IP: 10.198.0.46

[22.10.2015] Convenzione di Negoziazione assistita

La negoziazione assistita è un istituto recentemente previsto dal D.L. n. 132/2014, convertito nella L. n. 162/2014, al fine di deflazionare il contenzioso. L’obiettivo è quello di incentivare le parti a concordare in via stragiudiziale gli aspetti di carattere personale e patrimoniale connessi alla separazione o alla cessazione degli effetti civili del loro matrimonio.

Ai sensi dell’art. 6 del D.L. n. 132/2014, convertito in legge n. 162/2014, la Procura della Repubblica è competente a verificare la regolarità e/o il merito degli accordi raggiunti dalle parti con l’assistenza dei loro difensori.


Il deposito delle convenzioni di negoziazione assistita va effettuato presso l’ufficio della segreteria amministrativa, al secondo piano, stanza n. 7.

Si informa, altresì, che per le pratiche di cui sopra, ai fini del nulla osta o dell’autorizzazione, è necessario allegare la seguente documentazione:

 

SEPARAZIONI

·      Estratto dell’atto di matrimonio;

·       Stato di famiglia;

·       Certificato di residenza di entrambi i coniugi;

 

DIVORZI

·         atto integrale di matrimonio rilasciato dal comune dove è stato celebrato;

·         stato di famiglia di entrambi i coniugi;

·         certificato di residenza di entrambe le parti;

·         copia autentica del verbale di separazione consensuale con decreto di omologa;

– o copia autentica della sentenza di separazione con attestazione del passaggio in giudicato;

– e copia autentica del verbale di udienza presidenziale che ha autorizzato i coniugi a vivere separati;

– o copia autentica dell’accordo di separazione raggiunto con la negoziazione assistita (ex art. 6 L. 162/14);

– o copia autentica dell’accordo di separazione concluso e certificato dall’Ufficiale dello Stato Civile (ex art. 12 L. 162/14);

 

MODIFICHE

·         stato di famiglia e di residenza dei coniugi;

·         in caso delle modifiche della separazione:

– copia autentica del verbale di separazione consensuale con decreto di omologa;

– o copia autentica della sentenza di separazione con attestazione del passaggio in giudicato;

– o copia autentica dell’accordo di separazione raggiunto con la negoziazione assistita (ex art. 6 L. 162/14);

– o copia autentica dell’accordo di separazione concluso e certificato dall’Ufficiale dello Stato Civile (ex art. 12 L. 162/14);

·       in caso di modifiche del divorzio:

– copia autentica della sentenza di divorzio con attestazione del passaggio in giudicato;

– o copia autentica dell’accordo di divorzio raggiunto con la negoziazione assistita (ex art. 6 L. 162/14);

– o copia autentica dell’accordo di divorzio concluso e certificato dall’Ufficiale dello Stato Civile (ex art. 12 L. 162/14).

 

In ogni caso, in presenza di:

-          figli minorenni o maggiorenni non economicamente autosufficienti o maggiorenni portatori di handicap grave dovrà essere allegata la dichiarazione dei redditi (o dichiarazione sostitutiva autenticata dal Comune) dei coniugi relativa agli ultimi tre anni;

-          figli maggiorenni incapaci o portatori di handicap grave dovrà essere allegata la relativa certificazione sanitaria.

 

 

Gli avvocati dovranno, comunque, certificare:

 

1.      L’autografia delle firme;

2.   La conformità dell’accordo alle norme imperative e all’ordine pubblico.

Cerca...