salta al contenuto

SITO IN CORSO DI AGGIORNAMENTO. LE INFORMAZIONI PRESENTI POTREBBERO VARIARE SENZA ALCUN PREAVVISO.
27 maggio 2022

CASELLARIO GIUDIZIALE

CHE COS'È
E' il certificato che riporta le iscrizioni risultanti in materia penale, civile ed amministrativa. Costituisce l’unione dei dati risultanti dal certificato penale e civile, e contiene, pertanto, le iscrizioni esistenti nel casellario giudiziale ad eccezione di quelle previste dall’art. 24 del D.P.R. 313/2002 – Testo Unico del Casellario.
Il certificato ha una validità di sei mesi dalla data del rilascio.
E' possibile richiedere gratuitamente la visura delle iscrizioni del casellario giudiziale da parte dell'interessato. 
Essa NON ha valore certificativo.

CHI LO PUÒ RICHIEDERE
   - L'interessato;
   - I gestori di pubblici servizi e le P.A;
   - L'autorità giudiziaria penale;
   - Il difensore della parte offesa dal reato e del testimone;
   - Un delegato munito di delega scritta

COSA OCCORRE PER RICHIEDERLO E QUANTO COSTA
Occorre:
  • apposito modulo (scaricabile da "QUI");
  • fotocopia del documento di identità del richiedente in corso di validità;
  • 1 marca da bollo da euro 16,00 ogni due pagine di certificato;
  • 1 marca da bollo da euro 3,92 per il certificato – non urgente- oppure, 2 marche da bollo da euro 3,92 per il certificato –urgente-;
  • delega scritta (scaricabile da "QUI") e fotocopia del documento di identità del delegato
I certificati saranno disponibili per il ritiro:
- dopo 10 giorni lavorativi, decorrenti dalla data della richiesta, per quelle senza urgenza;
- dopo 3 giorni lavorativi, decorrenti dalla data della richiesta, per quelle con urgenza;

QUANDO PUÒ ESSERE RICHIESTO GRATUITAMENTE
- Quando richiesto da associazioni Onlus che esibiscono regolare documentazione;
- Per essere esibito nelle procedure di adozione e affidamento di minori (art. 82 L.184/83);
- Per essere esibito nelle controversie di lavoro, previdenza ed assistenza obbligatorie (art. 10 L. 533/73);
- Per essere esibito in un procedimento nel quale l’interessato è ammesso a beneficiare del gratuito patrocinio (art. 18 D.P.R. 115/2002) correttamente documentato;
- Per essere unito alla domanda di riparazione dell’errore giudiziario (art. 176 disp. att. c.p.p.).

Cerca...